Sei in: Home » Sistema di governo » Indirizzo sportivo? Sì, purché nessun insegnante perda il posto.

Indirizzo sportivo? Sì, purché nessun insegnante perda il posto.

sport (2)Le sezioni a indirizzo sportivo, nelle scuole superiori, si possono fare purché nessun insegnante perda il posto. A dirlo è una circolare del Miur, riportata da La Tecnica della Scuola.

Non importa se qualche ragazzo rinuncerà a diplomarsi, pur di inseguire la passione per lo sport o se, pur di ottenere un “pezzo di carta”, sacrificherà i propri veri interessi. L’importante, per il Miur, è che nessun professore perda il posto o sia costretto a trasferirsi in un’altra scuola.

In Italia,  la scuola è gestita, innanzi tutto, in funzione del personale e, solo in seconda battuta, per gli utenti del servizio.

Questa logica malata va sovvertita, creando scuole autonome e democratiche, dove ad avere l’ultima parola sono gli studenti, attraverso il voto dei loro genitori, visto che sono quasi tutti minorenni.

Redazione
Visita il sito dell'autore

Cambiamo la scuola con l'autonomia democratica

Un commento

  1. Non mi stupisce: da anni assisto a classi in cui non si respingono alunni perché i presenti sono troppo pochi, e calando troppo il numero ci si troverebbe a fare di 3 sezioni 2, con conseguente perdita di cattedre… Tutto questo a discapito di un buon insegnamento e di una ‘buona scuola’, come vogliono chiamarla!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove × 4 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>