Sei in: Home » Educazione » Quando una cattiva riforma fa rivivere Tacito e Catullo

Quando una cattiva riforma fa rivivere Tacito e Catullo

Enrico Tanca, docente di latino e materie letterarie nei licei da conto delle conseguenze provocate sulla didattica del latino dalla diminuzione delle ore dedicate a questa materia nel liceo scientifico e avanza la proposta di adottare il metodo natura anche per questa lingua.     Se vuoi leggere l’articolo clicca qui

 

Commento: Articolo molto interessante che interviene sulla didattica del latino. Ma sorge qualche domanda: perché tutti devono subire una riduzione delle ore di questa materia anche se convinti della sua importanza? Perché la didattica caldeggiata dal professor Tanca viene praticata solo dove il docente ha la voglia di interessarsene è di adottarlo nel più completo disinteresse nei confronti degli utenti che potrebbero gradirlo e non poterne usufruire ma anche non gradirlo e doverlo accettare? Serve una scuola in cui non si prendano decisioni dall’alto, magari per motivi rispettabili ma puramente economici per poi lasciare che la gente si arrangi. Serve una scuola statale autonoma, secondo la nostra proposta, in cui le decisioni vengano discusse con i genitori prima di attuarle e in cui si tenga conto che nella scuola ogni cosa si tiene in particolare l’economia con la didattica.

Redazione
Visita il sito dell'autore

Cambiamo la scuola con l'autonomia democratica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


otto + 5 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>