Sei in: Home » Edilizia e servizi » Digital divide all’italiana: i computer ci sono, la connessione no

Digital divide all’italiana: i computer ci sono, la connessione no

Succede a Coverciano, in provincia di Firenze: l’istituto comprensivo Diaz vince il bando “Classe 2.0″: diecimila euro per acquistare computer e lavagne elettroniche.
Come racconta La Nazione, il dirigente scolastico, appena saputo della vittoria, nel maggio scorso, ha chiesto al Comune, che gestisce l’edificio, di realizzare il collegamento a Internet. Ma, a quanto pare, il Comune non ha i soldi e incolpa la legge di stabilità voluta dal governo.
A febbraio la scuola deve presentare al Miur il rendiconto del progetto di informatizzazione informatizzazione, che non è neppure stato possibile iniziare, e rischia di dover restituire i soldi, che naturalmente non ha, avendoli spesi in apparecchiature che non si possono utilizzare.
I genitori, stimolati dalla lettera di un insegnante, si offrono di pagare loro il collegamento Internet?
C’è proprio bisogno di dire che in una scuola davvero autonoma,in grado di gestire liberamente fondi e edifici, non sarebbe successo?

Redazione
Visita il sito dell'autore

Cambiamo la scuola con l'autonomia democratica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 7 = otto

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>