Sei in: Home » Insegnanti » C’è merito e merito, ma quale verrà premiato?

C’è merito e merito, ma quale verrà premiato?

thumbsdownMa che siginifica davvero la parola merito ? Se è utilizzata nella sua accezione di “mercede” offerta in cambio di una prestazione, allora la parola non ci piace molto.

di   da “La Tecnica della scuola” di Giovedì, 19 Giugno 2014  Per leggere l’articolo clicca qui

Commento: Articolo molto interessante che analizza bene la complessità della valutazione del lavoro di un’insegnante. Condivisible la denuncia della non opportunità  che la valutazione sia affidata monocraticamente a un dirigente scolastico che non risponde a nessuno del suo operato se non alla burocrazia, da cui dipende, o alla giustizia amministrativa, già intasata da innumerevoli ricorsi. Se la scuola fosse governata secondo la nostra proposta il dirigente didattico risponderebbe al CDA della scuola, che a sua volta risponderebbe al corpo dei genitori. In questo modo, in assenza del valore legale del titolo di studio, siamo sicuri che ogni insegnante sarebbe valutato per il reale apporto che da alla scuola per la sua funzione di educazione e di istruzione.

Redazione
Visita il sito dell'autore

Cambiamo la scuola con l'autonomia democratica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ nove = 18

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.