Sei in: Home » Insegnanti » Treviso e il maestro violento I presidi: abbiamo le mani legate

Treviso e il maestro violento I presidi: abbiamo le mani legate

cadicamo

Ferdinando Cadicamo

Il Corriere della Sera parte dal caso del maestro violento di Treviso per fare un’inchiesta sui provvedimenti disciplinari a carico degli insegnanti. Tutti, dirigenti scolastici, provveditori e persino sindacalisti sono d’accordo che un individuo simile vada allontanato dai bambini senza se e senza ma e senza attendere le lungaggini delle procedure giudiziarie (la Procura ci ha impiegato ben sei mesi, durante i quali gli abusi sono continuati, per sospenderlo dall’insegnamento).
Però i dirigenti scolastici rivendicano il diritto di erogare sanzioni disciplinari direttamente, mentre il provveditore e il sindacalista sostengono che in questo modo gli insegnanti sarebbero esposti a punizioni arbitrarie. Per noi, la soluzione al problema sta nell’autonomia democratica: presidi e insegnanti devono rispondere direttamente a un consiglio eletto dai genitori.
Per leggere l’inchiesta del Corriere della Sera, clicca qui

Redazione
Visita il sito dell'autore

Cambiamo la scuola con l'autonomia democratica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei − 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.