Sei in: Home » Senza categoria » Ecco come funziona la fabbrica dei disoccupati

Ecco come funziona la fabbrica dei disoccupati

exclamation-markIn Italia negli ultimi decenni è prevalsa una cultura che disprezza il lavoro, in particolare il lavoro manuale. L’articolo analizza a fondo il fenomeno e critica l’approccio del governo nell’organizzare l’alternanza fra scuola e lavoro che vige con successo in molti paesi europei.

Per leggere l’articolo clicca qui

Commento: Se la scuola statale fosse una scuola statale autonoma secondo la nostra proposta questi problemi si potrebbero affrontare agevolmente e con successo. Genitori più consapevoli e scuole governate da un Consiglio di Amministrazione, composto da esponenti della società civile locale, saprebbero trovare risposte adeguate.

Redazione
Visita il sito dell'autore

Cambiamo la scuola con l'autonomia democratica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 7 = quattordici

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.