Sei in: Home » Editoriali » Il passaggio all’autonomia democratica

Il passaggio all’autonomia democratica

votazioniQuesto articolo descrive come potrebbe funzionare la procedura con cui una scuola gestita dallo Stato si rende autonoma.

Il 10% dei genitori degli alunni iscritti alla scuola chiede al Dirigente Scolastico entro il 20 ottobre dell’anno scolastico corrente che venga attivata la procedura per l’autonomia della scuola.

Il DS indice il referendum sull’autonomia fra i genitori della scuola (nomina commissione elettorale ecc.).

Il referendum si svolge entro il 30 novembre dell’anno scolastico in corso.

Se il 50% +1 dei votanti (hanno diritto di voto i genitori o i tutori degli alunni iscritti alla scuola nell’anno in corso) è a favore dell’autonomia, la scuola diventa autonoma.

Come si eleggono i membri del CDA

Le elezioni del CDA e del Presidente si svolgono entro il 31 gennaio dell’anno scolastico corrente. Successivamente le elezioni si tengono ogni due anni nel mese di aprile. Presidente e membri del CDA sono rieleggibili.

Il DS Stabilisce la data delle elezioni, l’elenco degli genitori aventi diritto al voto, nomina la commissione elettorale, la procedura per la presentazione delle candidature ecc.

Qualunque cittadino italiano maggiorenne può candidarsi al CDA o alla presidenza purché non sia un genitore né un dipendente della scuola, deve però essere presentato da almeno 20 genitori. Ci si può candidare sia al CDA che alla Presidenza.

Il CDA

Il CDA è composto da un minimo di tre membri (due consiglieri e un presidente). Il numero di membri del CDA è fissato secondo la seguente tabella

N.ro alunni N.ro membri CDA
meno di 400 2 membri più il presidente
400 e 600 4 membri più il presidente
600 e 800 6 membri più il presidente
800 e 1000 8 membri più il presidente
Più di 1000 10 membri più il presidente

Il Presidente del CDA

Il CDA è presieduto da un presidente eletto dai genitori con una maggioranza del 50%+1 dei votanti. Nel caso in cui nessun candidato raggiunga il 50%+1 dei voti due settimane dopo le elezioni si procede al ballottaggio fra i due candidati che hanno ottenuto un maggior numero di voti.

Come funziona la scuola dopo l’elezione del CDA e del presidente

Il Presidente e il CDA assumono la pienezza dei loro poteri il 1 luglio dell’anno successivo a quello in cui vengono eletti.

Il CDA prende le sue decisioni a maggioranza semplice dei presenti, in caso di parità prevale il voto del Presidente. Un consigliere che non partecipa a due sedute consecutive senza adeguata giustificazione decade e gli subentra il primo dei non eletti.

Dal momento del suo insediamento fino al 30 giugno dell’anno successivo il CDA assume i poteri del consiglio di istituto che decade. In questo periodo il CDA avvia il processo di selezione del personale in vista dei possibili bisogni.

Nella sua prima seduta con la pienezza dei poteri, il CDA Conferma o esonera dalle sue funzioni il personale di ruolo della scuola. Il personale di ruolo esonerato viene ricollocato a cura dell’amministrazione statale con la normale procedura del personale perdente posto. Il CDA, sempre nella sua prima seduta, assume il Preside e il Direttore amministrativo nel caso in cui sia necessario. Nella seconda seduta, da tenersi entro luglio, assume l’altro personale necessario al funzionamento della scuola. Il personale insegnante viene assunto sentito il parere del Preside. Il personale non insegnante viene assunto sentito il parere del Direttore amministrativo.

La proprietà e il possesso degli edifici scolastici e delle attrezzature passano alla scuola autonoma dal momento dell’insediamento del CDA.

Alle riunioni del CDA possono prendono parte, se richiesti, il Preside e il Direttore amministrativo.

Trascorso il primo anno dalla sua elezione il CDA può adottare un piano dell’offerta formativa autonomo, sentiti il Preside, Il Collegio dei docenti e il Direttore amministrativo.

Resta fermo che ogni studente, alla fine di un ciclo di studi che prevede un esame di stato, sosterrà uno degli esami di stato in vigore.

Dall’elezione fino al 1 luglio dell’anno successivo, il CDA viene dotato dallo Stato di un fondo per le spese di funzionamento.

I membri del CDA ricevono un gettone di presenza di 50 euro a seduta.

Le iscrizioni degli alunni

Gli alunni vengono iscritti alla scuola autonoma alla normale scadenza fissata per le scuole statali.

Nel caso in cui il numero degli iscritti superi il numero dei posti disponibili, si procede per sorteggio da tenersi pubblicamente. Lo stesso avviene per gli anni successivi.

Redazione
Visita il sito dell'autore

Cambiamo la scuola con l'autonomia democratica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 3 = due

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.